giovedì 18 gennaio 2018

18 gennaio - dal PD all'UDC... I VERI "VALORI" DELLA FECCIA RAZZISTA DELLA POLITICA BORGHESE NON SI POSSONO NASCONDERE

Eboli, bocciata l’accoglienza dei bambini profughi: il no all’unanimità dei politici


Secondo quanto dichiarato dal Pd i numeri di profughi nelle periferie sarebbero già esorbitanti: «siamo in una polveriera» hanno dichiarato i Dem...
Più duri nell’Udc: «non vi rendete conto della situazione a Santa Cecilia. I nostri figli, i nostri nipoti, non comanderanno più nulla. Saranno i neri a dettare legge». Cariello chiede di moderare i toni, ma il succo non cambia: ad Eboli non arriveranno quei 52 bambini profughi.


pc 18 gennaio - riprende la lotta dei precari coop a Palermo

PALERMO, LA LOTTA NON SI E' MAI FERMATA
E ORA SI RIPARTE!

20 anni di precariato nelle scuole e ora 2000 Assistenti igienico-personale agli studenti disabili si vogliono cancellare in Sicilia  (circa 200 solo a Palermo) dal mondo del lavoro per la strumentalizzata e illegale interpretazione della legge delega sul sostegno prodotta dalla scellerata "BUONA SCUOLA" DEL GOVERNO, con il beneplacito dei venduti sindacati confederali e compagnia che si seggono più che ipocritamente ai tavoli nazionali di "contrattazione" solo per danneggiare migliaia di lavoratori e lavoratrici e permettere l'eliminazione di diritti sacrosanti. 

PER DIFENDERE IL LAVORO E LA NOSTRA VITA LA LOTTA E' L'UNICA ARMA!

Oggi pomeriggio a Palazzo Comitini...


Ass.ti igienico-personale studenti disabili nelle scuole
SLAI COBAS sc

pc 18 gennaio - Basta morti sul lavoro - basta capitalismo che li produce

Lo Slai cobas per il sindacato di classe coordinamento nazionale chiama a una fermata generale in occasione dei funerali dei lavoratori morti su tutti i posti di lavoro.

La Rete nazionale per la sicurezza e salute sui posti di lavoro e sul territorio chiama le realtà 
che si occupano di morti sul lavoro e inquinamento a costruire la rete unitaria di mobilitazione sociale e legale per dare forza e organizzazione stabile e permanente ai lavoratori e ai familiari

info
slaicobasta@gmail.com
bastamortesullavoro@gmail.com
17 gennaio 2018

pc 18 gennaio - AL LAVORO COME IN GUERRA:IL NEMICO E' IN CASA NOSTRA - Da Milano sugli operai morti alla Lamina

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

17/01/2018

Ancora una volta, ieri a Milano, tre operai sono morti sul lavoro.

Secondo le prime ricostruzioni sembra che i primi due lavoratori - Arrigo Barbieri, 57 anni, responsabile di produzione e Marco Santamaria, 42 anni, elettricista - appena scesi nel locale sotterraneo, profondo due metri, che contiene il forno in cui si scalda l'acciaio; abbiano perso subito i sensi a causa dell'aria satura di gas. Un altro operaio - Giuseppe Barbieri, fratello di Arrigo - resosi conto del pericolo, ha chiamato aiuto e con Giuseppe Setzu, 48 anni, nel tentativo di salvarli scende nella camera sotterranea: i due, a loro volta, rimagono intossicati. Altri due lavoratori cercano di portare aiuto ma l'ambiente saturo di gas li costringe a indietreggiare (rimarranno intossicati). In

pc 18 gennaio - Contro riformisti e opportunisti - uno studio dell'imperialismo come arma - richiedi a pcro.red@gmail.com

pc 18 gennaio - Il circolo di proletari comunisti di Milano contro la guerra

 all'assemblea di Micene 12 gennaio
 ....siamo intervenuti sia per portare controinformazione sulla Tunisia ma anche per "precisare" il nostro punto di vista. In sintesi: non di una generica opposizione alla guerra si tratta, ma contro la guerra imperialista; internazionalismo è lottare contro l'imperialismo di casa nostra; sostegno alle rivolte proletarie/popolari dove interviene l'Italia (e non solo) che sono di ostacolo all'imperialismo e che vanno unite alle mobilitazioni interne tra i proletari, in primis operai e migranti; la tendenza alla guerra è una necessità dell'imperialismo per trovare soluzione alla crisi e per una nuova spartizione del mondo; la soluzione per i proletari, i popoli oppressi, è la guerra di classe... 

pc 18 gennaio - Lenin sempre Lenin! Discorso per l'assassinio di Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht

Lenin | Pravda n.14, 21/01/1919 in V.I. Lenin, Opere compete, vol.28, pag 417, Editori riuniti, Roma, 1967
Trascrizione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare
In occasione dell'anniversario dell'assasinio di Liebknecht e Luxemburg (15/01/1919) e della morte di Lenin (21/01/1924).

19/01/1919

Oggi a Berlino, la borghesia e i socialtraditori esultano; sono riusciti ad assassinare K. Liebknecht e R. Luxemburg.

Ebert e Scheidemann, che per quattro anni hanno condotto gli operai al macello, in nome di interessi briganteschi, si sono assunti oggi la parte dei carnefici dei dirigenti proletari. L'esempio della rivoluzione tedesca ci persuade che la «democrazia» è solo una copertura della rapina borghese e della violenza più feroce.
Morte ai Carnefici

* (153) La prima notizia dell'assassinio di Rosa Luxembug e Karl Liebknect, commesso il 15 gennaio 1919, giunse a Mosca il 17 gennaio. Il 19 gennaio si tenne una grande manifestazione, nel corso della quale presero la parola Lenin, Sverdlov, Lunaciarski  e altri.

pc 18 gennaio - Italia in armi, dal Baltico all'Africa - Fare del boicottaggio elettorale una arma di denuncia e mobilitazione contro l'italia imperialista e i suoi interventi militari

Manlio Dinucci | ilmanifesto.it

16/01/2018

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35, schierati nell'aeroporto di Zurigo a una decina di minuti di volo da Milano, pattugliassero il confine con l'Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera dall'aggressione italiana?
A Roma l'intero parlamento insorgerebbe, chiedendo immediate contromisure diplomatiche e militari.
Lo stesso parlamento, invece, sostanzialmente accetta e passa sotto silenzio la decisione Nato di schierare 8 caccia italiani Eurofighter Typhoon nella base di Amari in Estonia, a una decina di minuti di volo da San Pietroburgo, per pattugliare il confine con la Russia con la motivazione di proteggere i paesi baltici dalla «aggressione russa».
La fake news con la quale la Nato sotto comando degli Stati uniti giustifica la sempre più pericolosa

pc 18 gennaio - Sostegno alla lotta delle maestre fuori e contro i sindacati confederali - Slai cobas per il sindacato di classe - coordinamento nazionale


La rottura con i sindacalisti di governo si fa strada. Sono le maestre e i maestri a protestare davanti alla Camera del Lavoro di Milano e distribuiscono un volantino chiaro: […]



Milano, 15 gennaio 2018
maestri e le maestre, dopo aver subito un violento attacco dalla magistratura e dalla politica, hanno risposto concretamente all’arroganza di chi pensa di poter mettere in strada 40 mila famiglie. La nostra lotta è la lotta di tutti i precari della scuola, dall’infanzia alla secondaria, e di quelli che dopo

pc 18 gennaio - Missione in Niger - giusta la denuncia - inutile la lettera - solo la lotta antimperialista di massa può contrastare le missioni di guerra


L’Italia prende le armi in Africa. Una storia scritta sulla sabbia. Lettera aperta ai palamentari italiani
«La svolta africana. Soldati italiani in Niger non solo per addestrare… Con 470 uomini e 150 veicoli le nostre truppe svolgeranno anche ‘attività di sorveglianza e di controllo del territorio’. All’inizio coi francesi, tra miliziani, contrabbandieri e migranti.»
Così Gianluca Di Feo su ‘Repubblica’ del 14 dicembre del 2017. Nel Niger, dove mi trovo da quasi sette anni, proprio oggi, il 18 dicembre si celebra la proclamazione della Repubblica, avvenuta 59 anni or sono. Una Repubblica di carta e l’altra di sabbia. Quella di carta racconta di un paese, una Repubblica, fondata sul lavoro, nata dalle variegate resistenze al nazi-fascismo che, proprio per questo, ha scelto di ripudiare la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. (Art.11 della Costituzione della Repubblica).
Siamo diventati una Repubblica di carta straccia, perché, non da oggi, la Costituzione è stata tradita,

pc 18 gennaio - La campagna d’Africa dell’Italia - da un testo di Napoli


Uno degli ultimi atti del governo Gentiloni è stato l’approvazione del decreto sulle missioni militari. Con deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata il 28 dicembre 2017 non solo è stata confermata la proroga di quelle in corso, ma si è varato l’avvio di nuove missioni militari sia in ambito NATO ed europeo che derivanti da accordi bilaterali.
I nuovi interventi militari sono concentrati in Africa “ritenuta di prioritario interesse strategico in relazione alle esigenze di sicurezza e difesa nazionali” (da delib. Consiglio Ministri). La ministra della Difesa Roberta Pinotti, in audizione con Alfano davanti alle commissioni Esteri e Difesa di

mercoledì 17 gennaio 2018

pc 17 gennaio - LA NUOVA FORMAZIONE OPERAIA

Inizierà a febbraio un nuovo ciclo on line - sempre di giovedì - della Formazione Operaia.
Quest'anno è il 200° anniversario della nascita di Marx e il 170° della pubblicazione de Il Manifesto.

E' chiaro che la Formazione Operaia per almeno i primi mesi di quest'anno non può che celebrare questi anniversari con il libro che sintetizza chi sono i comunisti, e qual'è il loro programma.

Cominceremo il 22 febbraio - primo giovedì dopo la data di uscita de Il Manifesto: 21 febbraio 1848.

Da Il Manifesto di Marx ed Engels:
« Uno spettro si aggira per l'Europa: lo spettro del comunismo. Tutte le potenze della vecchia Europa si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro... È ormai tempo che i comunisti espongano apertamente in faccia a tutto il mondo il loro modo di vedere, i loro fini, le loro tendenze, e che contrappongano alla favola dello spettro del comunismo un manifesto del partito stesso»

pc 17 gennaio - La strage operaia di Milano domanda una risposta nazionale da parte delle organizzazioni sindacali di classe e di base

Lo Slai cobas per il sindacato di classe coordinamento nazionale chiama a una fermata generale in occasione dei funerali dei lavoratori morti su tutti i posti di lavoro.

La rete nazionale per la sicurezza e salute sui posti di lavoro e sul territorio chiama le realtà 
che si occupano di morti sul lavoro e inquinamento a costruire la rete unitaria di mobilitazione sociale e legale per dare forza e organizzazione stabile e permanente ai lavoratori e ai familiari

info
slaicobasta@gmail.com
bastamortesullavoro@gmail.com
17 gennaio 2018

pc 17 gennaio - Altre immagini e info della manifestazione di Berlino per Lenin-Liebnecht-Luxemburg

GERMANY - Lenin-Liebknecht-Luxemburg Demonstration
January 16, 2018

We document here an report of the Lenin-Liebknecht-Luxemburg Demonstration in Berlin, Germany.
On the Lenin-Liebknecht-Luxemburg Demonstration
This year's Lenin-Liebknecht-Luxemburg demonstration was marked by two outstanding political facts.
First, in a climate of witch hunts and white terror, the revolutionary movement in Germany has sent a

pc 17 gennaio - Tre giorni a Bruxelles di solidarietà con i prigionieri politici delle BR

Week-end de solidarité avec les militant.e.s emprisonnés des BR-PCC


pc 17 gennaio - Ancora morti in Palestina - ucciso dalle truppe sioniste un militante del FPLP

Un militant du FDLP (Front Démocratique de Libération de la Palestine) a été abattu à Jayus (entre Tel Aviv et Naplouse, à l’est de Qalqilya) hier. Il était âgé de 24 ans.
Le FDLP avait par ailleurs tenté d’organiser un rassemblement à Jerusalem-Est ce 9 janvier, mais la police avait interdit le rassemblement et arrêté trois organisateurs.
Funérailles de Ahmed Salim Funérailles de Ahmed Salim 

pc 17 gennaio - Il processo de L'Aquila del 22 gennaio - ci riguarda tutte - info a cura mfpr


 Da cavallette.noblogs.org questa documentata ricostruzione della persecuzione giudiziaria nei confronti di tre compagne da parte dell'avvocato Antonio Valentini - difensore del militare Francesco Tuccia, di stanza nelle zone terremotate dell'Abruzzo nel contesto dell'operazione "strade sicure" ed esecutore di un efferato stupro ai danni di una ragazza del posto. Il legale, al quale la determinazione delle compagne aveva impedito di presenziare ad un'iniziativa tenuta presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma, si è reso responsabile di una campagna censoria, repressiva e persecutoria nei confronti delle tre, dai risvolti vessatori ed inquietanti. Alle imputate va la solidarietà della redazione

pc 17 gennaio - "The Antifascists”: c'è una guerra a bassa intensità in corso in Europa

Dalla sua prima apparizione nel 2017, il documentario “The Antifascists” è stato proiettato centinaia di volte in tutto il mondo: nei cinema, nelle scuole, nei teatri, negli spazi sociali e culturali. Ha ricevuto l’acclamazione della critica ed è stato selezionato per partecipare a 5 festival del cinema. Dopo questo enorme successo i registi, Patrik Öberg and Emil Ramos, hanno deciso di renderlo disponibile on-line per diffonderlo il più possibile.
The Antifascists racconta di una guerra a bassa intensità che si sta svolgendo nelle strade d’Europa

pc 17 gennaio - Non ci sono "incidenti" in fabbrica, ma il sistema capitalista di sfruttamento dei padroni che consuma e uccide ogni giorno gli operai

pc 17 gennaio - Si riapre oggi a Palermo il Circolo politico

Quale politica serve  ai proletari, agli operai, ai lavoratori, 
ai giovani, alle donne...?

Mercoledì 17 gennaio si riapre il circolo politico di Proletari Comunisti a Palermo presso la sede di Via G. del Duca, 4 dalle ore 15,30.

- Il nuovo anno  e la lotta politica di fase necessaria
- la necessità della formazione rivoluzionaria come arma teorica-ideologica-pratica, quali strumenti?
- Che interesse hanno i proletari, gli operai, i lavoratori, i giovani, le donne... oppressi da questo sistema sociale in questa "nuova" fase elettorale della borghesia? Boicottare attivamente le elezioni e organizzarsi!
- la questione delle donne e la lotta rivoluzionaria...  sul processo del 22 gennaio a tre compagne,  verso l'8 marzo e lo sciopero delle donne 

Il Circolo è aperto a tutti gli interessati con incontri periodici, formazione, iniziative, eventi, cineforum, propaganda materiali, blog.. vi invitiamo a partecipare. 

Proletari Comunisti Palermo
per contatti: prolcompa@gmail.com